ERROR HEADER

Piaggio, analisi fondamentale e di bilancio (terza trimestrale 2010)

Uno sguardo ai bilancio e alla valutazione del titolo Piaggio!

venerdì, 25 febbraio, 2011 , ore 17:34 - 7 Commenti

Buonasera a tutti i lettori, oggi come promesso andiamo ad analizzare il titolo Piaggio. Il marchio penso sia ben noto a tutti, la società è produttrice principalmente di veicoli motorizzati a due ruote, ma rappresenta parte importante del fatturato anche la produzione e vendita di veicoli commerciali (come la famosa ”Ape”).


Il settore, in particolare i veicoli a due ruote, è decisamente ciclico e comunque maturo, per cui non ci si può aspettare allo stato attuale una crescita a doppia cifra dei ricavi e sicuramente bisogna anche far molta attenzione all’andamento del ciclo economico e soprattutto del timing d’ingresso, determinante per chi volesse investire in questa società.


In ogni caso andiamo a vedere i principali dati economici dal 2005 al 2009:




Questi gli aspetti fondamentali che mi saltano agli occhi:




  • crescita abbastanza modesta, anche se certo nel 2008/2009 la congiuntura economica ha pesato ovviamente molte; nel 2009 però si è fatto un buon lavoro di riduzione dei costi (ebit e profit margin si assestano rispettivamente al 7% e al 3.1%)

  • situazione patrimoniale che a me non fa impazzire, il patrimonio netto è solo 1/4 del totale dell’attivo ed è anche minore del totale dei debiti finanziari; inoltre la presenza di attività immateriali è davvero importante (anche qui ben maggior del patrimonio netto)

  • la redditività è discreta con un Roe e un Roi intorno all’11% (il Wacc è presumibilmente intorno al 9%, mentre il Rod negli ultimi 4 anni è del 10%), ma è molto rilevante la struttura finanziaria molto sbilanciata sul ”debt”, di conseguenza il Roa è appena sufficiente sul 5%

  • infine a livello di flussi di cassa abbiamo avuto un po’ di comprensibile volatilità, ma comunque la società è sempre stata in grado di generare un Free Cash Flow positivo dal 2005, tuttavia non abbastanza a mio parere per poter contemporaneamente distribuire dividendi e ridurre il debito (anche se all’inizio di un ciclo economico è normale per società del genere vedere un aumento del debito, anche considerando i tassi favorevoli)



Un aspetto che davvero non mi piace però è la presenza di un disallineamento tra le disponibilità liquide nello stato patrimoniale e nel rendiconto finanziario, dovuto a scoperti nei conti correnti. Qualcosa che all’estero non mi è mai capitato di vedere, ma in Italia purtroppo non è la prima volta (guardare Brembo e Cogeme, che in realtà avrebbero addirittura delle Disponibilità Liquide negative).


In ogni caso, qui possiamo vedere l’ultima trimestrale sui primi 9 mesi del 2010; questi i gli aspetti più importanti:




  • a livello di ricavi continua l’assenza di crescita, ma è tuttavia buono il lavoro fatto sul contenimento dei costi, per cui abbiamo un leggero aumento dei margini (9% l’ebit margin, 4% il profit margin)

  • a livello patrimoniale continua a non convincermi, con elevato utilizzo della leva finanziaria e tante attività immateriali

  • tuttavia a livello di flussi di cassa c’è qualche buona notizia, infatti il FCF a 9 mesi segna circa un +13%, consentendo seppur di poco una leggera riduzione dell’indebitamento finanziario (che come riporta la società diminuisce circa 50 milioni, da 550 a 500)



I multipli ci dicono un P/E annuale intorno a 19.5 e medio a 5 anni intorno a 17.5, un poco giustificabile P/BV intorno a 2 e comunque tutte le valutazioni utilizzando l’EV che si appesantiscono decisamente. Facendo un DFCF diciamo che possiamo considerare un giusto prezzo 2.115€ ad azione, che equivale ad un P/E annuale di 17.7 e un FCF/EV di circa il 2.5%. In sostanza la società non è malvagia, punta molto sulla forza del marchio, ma ad essere sincero le valutazioni son tutt’altro che pessimistiche e le prospettiva di crescita futura non sono certo esaltanti, per cui più di un ”Neutrale” non mi sento di sbilanciarmi.


A presto a tutti i lettori!




 
Leggi altre news su :

Categorie : Neutrale, Piaggio
 
Analisi Fondamentale

Ti piace o ritieni utile questo articolo? Aiutaci a diffonderlo!

Su Facebook
Ti piace l'articolo?


Ti piace InvestireOggi
Su Twitter
"Twittalo"


Resta Aggiornato
Su Google+
Promuovi l'articolo
 

7 Commenti

  • # 1

    Il 21 febbraio financiere de l’echiquer ha incrementato dal 2% al 5% la partecipazione detenuta nel capitale di piaggio.
    Sono troppo ottimisti?

  • # 2

    a breve

    analisi PARMALAT

    :roll:

  • # 3

    @ Mari: per carità, le mie sono solo considerazione da completo ignorante sull’azienda. Detto ciò, magari bastasse guardare i movimenti di capitale delle società di gestione, per sapere dove andrà il prezzo di un titolo! ;-)

    @ Enrico: ah sì? Non sapevo!! :mrgreen:

  • # 4

    I miei più vivi complimenti per il blog, davvero!

    Riccardo è possibile ricevere tramite mail il foglio excel per l’analisi fondamentale?

    Complimenti ancora
    Andrea, studente alle prime armi nel mondo della finanza

  • # 5

    Ciao Andrea, grazie mille dei complimenti! Per ora il foglio non lo passo però :( … a presto!

  • # 6

    Salve a Tutti.
    Sto studiando da un bel po l’analisi fondamentale e uso questo blog come dogma per i miei studi. Una cosa però non mi è del tutto chiara. Il calcolo che si usa per l’indebitamento finanziario netto aggiustato. In questo caso utilizzando il file excel riferito all’anno 2009 non rieso a far saltar fuori quel 411933. Mi potreste aiutare per cortesia???
    Grazie mille

  • # 7

    Non ti consiglio di usarlo come dogma! Provo a ricontrollare i bilanci, ma il tempo a disposizione per il blog è davvero poco :(

Lascia un Commento 

Emoticons :-)  :D  :mrgreen:  :(  ;-)  :roll:  :mad: