ERROR HEADER

Marr, analisi fondamentale e di bilancio (semestrale 2009)

Marr Group, analisi fondamentale e di bilancio con tutti i multipli, ratios e indicatori di mercato!

giovedì, 29 ottobre, 2009 , ore 15:43 - 8 Commenti

Oggi, come promesso qualche tempo fa, andiamo ad analizzare il gruppo Marr. La società, che fa parte a sua volta del gruppo Cremonini, è attiva nel campo della ristorazione e in particolare nella distribuzione di prodotti alimentari alla ristorazione extra-domestica (il cosìdetto foodservice).



La società opera esclusivamente sul territorio italiano (un po’ una pecca per ora) e come principali competitors (quelli che mi vengono in mente) o comunque società con cui paragonare il bilancio ha Autogrill, Parmalat, Unilever, Kraft ed Hershey.



Ecco il consueto foglio di lavoro excel con tutti i dati di bilancio, ratios e multipli di mercato di Marr:



marr


I principali punti di forza che possiamo vedere sono:




  • crescita costante negli anni dei ricavi e degli utili (anche nel difficile 2008) e marginalità, che nonostante sia modestissima, ha mostrato lenti ma regolari segnali di crescita

  • redditività piuttosto buona con Roe in costante crescita ed ora a quota 17% (il costo del capitale proprio con un Beta di 0.4, mi viene  del 6.6%), Roi sopra il 20% (con un Rod del 12.5% ed un WACC del 7.15%) ed un Roa intorno al 5%

  • il livello di indebitamento è continuato a crescere molto negli ultimi, ma finora è stato sempre sotto controllo con un debt/ebitda che non ha mai superato quota 1.8 e il debt/equity sempre sotto l’unità (e poi appunto una buona redditività)

  • i multipli di prezzo più conosciuti sono tutti su livelli che suggerirebbero una corretta valutazione, con P/E a 5 anni sui 15, P/BV a 2.1 ampiamente giustificato dal Roe ed un Ebit/Ev sull’8%, tuttavia qui non mi piacciono i livelli di P/FCF e P/OCF troppo alti e che sottolineano una delle pecche di questa società che andremo a vedere, ovvero i modesti flussi di cassa



Passiamo senza perder altro tempo ai flussi di cassa, parte fondamentale del bilancio e che presenta diverse note dolenti:




  • l’operating cash flow prima della variazione del circolante è sempre stato in costante ed elevata crescita a sottolineare la buona gestione operativa

  • tuttavia è proprio la brutta gestione, che è stata condotta fin qui, del CCN a rendere l’operating cash flow dopo le variazione del circolante piuttosto basso e senza una crescita costante negli anni

  • tuttavia fin qui l’OCF è positivo e anche dopo le CapEx il free cash flow si mantiene positivo, tuttavia arrivati qui non mi piace assolutamente l’elevatissima distribuzione di dividendi che brucia tutto il FCF (parliamo di una payout ratio del 80%) e ha portato l’indebitamento a crescere costantemente negli anni



Tra gli altri aspetti negativi oltre a quelli già segnalati (bassa marginalità, flussi di cassa modesti e non sufficienti a coprire la distribuzione di dividendi), c’è da dire che dal bilancio per le dimensioni del circolante commerciale, risulta davvero cruciale monitorarne l’andamento, perchè da soli Magazzino+Crediti Commerciali fanno quasi il 70% del totale dell’attivo.



Nell’ultima semestrale 2009 i conti tengono piuttosto bene, con ricavi in leggera crescita,  Ebitda ed Ebit costanti e l’utile che beneficia di minori oneri finanziari salendo così del 6.5% rispetto a giugno 2007.


Nota dolente viene dall’indebitamento che cresce ancora, arrivando ad un rapporto debt/equity di 1 ed un debt/ebitda presumibilmente intorno a 2.3x-2.6x.


In sostanza cercando di tirare un po’ le somme, la società a livello di conto economico, anche tenendo presente il difficile 2008 e primi mesi 2009, ha tenuto più che bene, ma certo i flussi di cassa sono quelli che sono.



Con il DCF e le mie stime mi viene una valutazione intorno ai 9.7 euro, anche se va detto che è molto sensibile alla fortissima distribuzione di dividendi, basti pensare che supponendo una payout ratio del 50% la valutazione schizza a 22 euro o mettendola all’85% scende intorno ai 6 attuali, personalmente ho ipotizzato per i prossimi anni un 70% e quei 9.7 euro è ciò che viene fuori.



Il giudizio finale è un po’ cauto e rimane ”Neutrale”, perchè i bassi margini del business, il solo mercato italiano come riferimento e quei flussi di cassa modesti, per come valuto io le società mi fanno preferire altro. Tuttavia, basterebbe poco, ovvero una riduzione del dividendo e una migliore gestione del CCN (e a quel punto anche dell’indebitamento), per poter sensibilmente migliorare il mio giudizio sul bilancio.





A presto a tutti i lettori (domani sarò a Milano per l’Expo!).


 
Leggi altre news su :

Categorie : Marr, Neutrale
 
Analisi Fondamentale

Ti piace o ritieni utile questo articolo? Aiutaci a diffonderlo!

Su Facebook
Ti piace l'articolo?


Ti piace InvestireOggi
Su Twitter
"Twittalo"


Resta Aggiornato
Su Google+
Promuovi l'articolo
 

8 Commenti

  • # 1

    :-) Complimenti per la lucidità e la precisione delle analisi.
    Ho conosciuto da poco il tuo Blog. Adesso ovviamente è nei “preferiti” e ci faccio un salto quasi ogni giorno.
    Daniele

  • # 2

    Ciao Daniele grazie mille dei complimenti! Anche se quest’ultimo post è scritto in un italiano pessimo… :mrgreen:

  • # 3

    Oggi ha perso il 19 % .U
    una cifra.PErchè?

  • # 4

    Parliamo di Maire Tecnimont però, non di Marr (sono due società diverse!). ;-)

    Comunque Maire Tecnimont ha annunciato risultati sotto le attese (soprattutto una brutta riduzione della marginalità, per via dei maggiori costi del personale e uns peggior gestione finanziaria, perchè la cassa in questo momento rende poco o niente). Inoltre ha abbassato i target per il 2009, sia a livello di ricavi che di utile, questo unito al fatto che il titolo veniva da +229%, ha fatto pensare al mercato di averlo sparato un po’ troppo in alto e ha avuto un giorno di sell-off (ecco perchè dico spesso di fare attenzione a comprare bassi e vendere alti!).

    Inoltre dal rendiconto finanziario risulta che ha bruciato un po’ di cassa (cash flow operativo ha fatto -85%, con brutta gestione del circolante, ed ha addirittura ridotto il capex, per non aumentare troppo l’indebitamento e non togliere i dividendi).

    Insomma il bilancio effettivamente è stato toccato dalla crisi, ma appunto non dimentichiamoci che il titolo veniva da un +229% contro un +55/60% dei mercati, quindi nel breve periodo ci può stare un sell-off per essere stati troppo ottimisti (sul lungo, come dissi quando quotava 1.3 euro per azione: http://analisifondamentale.investireoggi.it/maire-tecnimont-analisi-fondamentale-e-di-bilancio-novembre-2008-205.html , c’è da rimanere tranquilli!).

    A presto!

  • # 5

    Capito ,scusami se ho pasticciato di brutto sui nomi .
    Secondo te il titolo è soggetto ad altre brusche correzzioni? E’ ancora caro? Mi rendo conto che la domanda è di diffice risposta.Ma puoi tentare una risposta?
    Grazie!!!

  • # 6

    Ciao Nino, figurati, anzi è stata un’occasione per vedere un po’ che combinava Maire Tecnimont (da tempo una delle mie preferite tra le small/mid in Italia).

    Comunque, altre correzioni brusche a parte forse i prossimi giorni (domani e inizio settimana prossima) dove potrebbe esserci un po’ di interesse e nervosismo nel titolo, non credo.

    Per quanto mi riguarda confermo che il titolo resta interessante ed a livello di prezzo non quota così alto, però certo dopo questi conti e con un mercato che inizia un po’ a lateralizzare, la si può pensare di prendere un po’ più in basso tra qualche tempo! ;-)

  • # 7

    Buonasera, ho trovato oggi per la prima volta il suo sito, lo ho trovato molto interessante. Desidererei una spiegazione come si ottengono i due dati: OPERATING CASH FLOW e CAPEX?.
    Grazie Luigi

  • # 8

    Ciao Luigi, ci sono diversi post a riguardo nella sezione didaticca. L’operating cash flow è comunque nel rendiconto finanziario (e si calcola come EBIT + Deprezzamenti e Ammortamenti +- Variazioni Capital Circolante – Tasse), mentre le CapEx si possono calcolare o dallo stato patrimoniale (come variazione delle immobilizzazioni nell’attivo, oppure anche queste si trovano nel rendiconto finaziario, nella sezione legata a flussi per investimenti). A presto

Lascia un Commento 

Emoticons :-)  :D  :mrgreen:  :(  ;-)  :roll:  :mad: